Alimentazione naturale: la mia ultima passione


Ora lo dico: sì, anche le insegnanti di Yoga soffrono di colite. Ohhhh 🙂 Magari abbiamo il vantaggio di comprendere l’origine lontana dei nostri malesseri, certamente, ma questo non ci preserva dall’avere mal di pancia, dal prendere il raffreddore, dall’avere le doppi punte o dallo svegliarci di malumore un venerdì mattina di novembre.
Ah, l’ho detto, mi sento meglio. Ora la parte seria…

L’origine lontana dei nostri disturbi

Ogni sintomo ha un’origine lontana e sottile, in quello che abbiamo vissuto e non digerito, magari, nelle emozioni non processate. Però ci sono varie strade che si possono percorrere per sciogliere la causa sottile,
di certo una è la meditazione (e qui ci siamo), ma un’altra superstrada è l’alimentazione. Perché noi siamo (anche) ciò che mangiamo. E non solo “ciò”, ma anche come, quando e perché lo mangiamo, come ci insegna Yogi Bhajan, Maestro di Kundalini yoga che ha dedicato una parte dei suoi insegnamenti a combinare la sua esperienza nell’arte della guarigione e della cucina (un ottimo libro al riguardo è “Il cibo per la salute e la guarigione”, di Yoghi Bhajan, che trovate anche a Casa Kundalini).

Cosa si intende per “alimentazione naturale”?

Una scelta di alimenti che escluda -o limiti al massimo- i cibi raffinati e troppo processati, zuccheri e farine in primis. Un’alimentazione, cioè, in cui si prediligono cibi allo stato naturale, cotti e in buona parte crudi, in prevalenza alcalinizzanti, nel mio caso di origine vegetale. Ma quello che soprattutto intendo io per alimentazione naturale è “detox quotidiano dell’anima”.

Perché scegliere un’alimentazione naturale?

Per lo stesso motivo per cui lavoriamo quotidianamente il corpo fisico affinché si mantenga forte e flessibile e la mente perché si mantenga lucida e intuitiva. Eliminare tossine, mantenere il sangue pulito, offrire al nostro sistema corpo-mente tutto ciò che gli serve per proseguire il cammino con consapevolezza. Nello yoga si parla di cibi “sattvici” per indicare tutti quelli che nutrono lo spirito e aiutano il processo di purificazione. Ma del resto, è esperienza: provate a meditare con uno stinco di maiale o due birrette sullo stomaco! 😀

Io ho trovato l’alimentazione naturale per vie diverse dallo Yoga (con il blog e i corsi online della splendida Ivy Muscucci e il suo Dolce senza zucchero, dategli un’occhiata) ma, come sempre accade quando abbiamo a che fare con delle verità, i due percorsi hanno tantissimi punti in comune.
Dal Kundalini Yoga arrivano tantissimi consigli alimentari, sui digiuni di purificazione degli organi, sugli alimenti adatti per la gravidanza, per i bambini, per il sistema nervoso, per il raffreddore…

Sei curios*? Chiedimi quello che vuoi nei commenti qui di seguito, sarò felice di darti qualche consiglio o di suggerirti letture. E poi ti aspetto venerdì in diretta facebook… dalla mia cucina!

Informazioni su Giulia Guerrini

Mamma ed insegnante di Kundalini Yoga, Yoga dolce, Gravidanza consapevole, Yoga genitori & figli. Arriva allo yoga attraverso la danza classica e contemporanea ed esperienze di teatro sociale, grazie alle quali si rende conto di come il movimento influisca sulla mente e sullo stato animico. Si forma come istruttrice di Kundalini Yoga secondo gli insegnamenti di Yogi Bhajan presso il centro Shunia di Barcellona. È istruttrice certificata di yoga per bambini secondo il metodo Childplay, elaborato da Gurudass Kaur, e di yoga in gravidanza, metodo Conscious Pregnancy. È membro dell’Associazione Internazionale Insegnanti di Kundalini Yoga (IKYTA) e IKYTA Italia. Attualmente vive e lavora a Catania.

Lascia un commento