Purifica il sangue per mantenerti in salute (e mangia barbabietole!)


Siamo arrivati alla fine di questo mese di maggio e all’ultimo appuntamento con il tema “Purificazione”; abbiamo parlato di pulizia del subconscio e di respiro del leone per pulire i polmoni, la gola e rinforzare le nostre difese.

In questo articolo vedremo insieme come purificare il flusso sanguigno, per eliminare tossine, batteri e persino virus e funghi! Esistono diverse tecniche di Kundalini Yoga per farlo (ormai lo avrete capito, ce n’è più di una per ogni necessità) e anche consigli di alimentazione e stile di vita. Certamente, “pulire” il sangue passa attraverso la pulizia del fegato e anche dei reni, due organi fondamentali per filtrare e processare quello che entra nel nostro organismo… e anche nella nostra sfera emotiva.

Esercizio Kundalini

Come si fa?

  • Siedi in posizione facile e prendi con le mani la caviglia davanti
  • Inspira completamente, sospendi il respiro nei polmoni e inizia a flettere rapidamente la colonna avanti e indietro (“Cavalcata a cammello” o flessioni spinali); quando non puoi più trattenere comodamente l’aria, ferma il movimento ed espira dal naso. Gradualmente prova ad aumentare il tempo di ritenzione del respiro, ma mi raccomando non esagerare, non devi mai sentirti in affanno.
  • Continua per 11 minuti ma se sei nuovo a questa pratica inizia con 3′. L’ideale, con il tempo, sarà arrivare a 22′ minuti con una piccola pausa a metà

I benefici?

Questo esercizio aumenta la vitalità, aiuta il sangue a prendere ossigeno dai polmoni e regolarizza il funzionamento del cuore;  esercita una pressione benefica su reni, gonadi e surrenali. Quando il sangue non riceve l’adeguata quantità di ossigeno, il cervello, gli organi e le ghiandole non riescono a funzionare in maniera ottimale e il sistema si squilibra, creando la malattia. L’ideale quantità di ossigeno nel sangue viene fornita quando riusciamo a trattenere il respiro per un minuto! Con 11 minuti al giorno di questo esercizio purifichiamo il sangue totalmente.

E ora… Barbabietole!

Come che c’entrano? Le barbabietole sono un vero e proprio super food (come si dice adesso) e anche molto trendy perché di solito… non piacciono a nessuno 😀 Ma si dà il caso che il mio orto produca quantità pazzesche di barbabietole e questo mi ha mosso a cercarne benefici e usi vari in cucina. Ecco qua:

A cosa fanno bene?

  • hanno tantissime vitamine, antiossidanti, sali minerali (potassio, sodio, magnesio e ferro)
  • sono ricche di fibre, proteine e acqua
  • sono un ottimo disintossicante del fegato e dell’intestino
  • puliscono il sangue (appunto) migliorando la salute del sistema cardiocircolatorio, (incrementano il trasporto dell’ossigeno)
  • regolano il colesterolo nel sangue e la pressione
  • hanno un alto contenuto di ferro che le rende un valido rimedio contro l’anemia

Come mangiarle?

Ci sono tantissimi utilizzi possibili delle barbabietole: lesse, al vapore, crude (provate a grattugiarle assieme alle carote e condirle con semi di zucca, olio, sale e limone) oppure…

Frullatele!

1 tazza d’acqua (200 ml)

1 barbabietola rossa cruda

1 carota cruda

1 mela

Tagliate la verdura e la frutta a pezzi e mettetela nel frullatore. Diluite con l’acqua e se volte aggiungete qualche cubetto di ghiaccio. Bevete mezz’ora prima del vostro pasto principale e continuate per 5 giorni per un bella pulizia del fegato. Sospendete per 10 giorni prima (eventualmente) di ricominciare. Perché a questo punto non potrete più farne a meno!  😉

Provate e poi mi raccontate com’è andata questo venerdì alle 10 in diretta Youtube dal canale Yoga Casa Kundalini – Guru Kirat Kaur (a proposito, vi siete già iscritte/i?). Io porterò una meditazione per pulire il sangue con un mantra bellissimo.


Informazioni su Giulia Guerrini

Mamma ed insegnante di Kundalini Yoga, Yoga dolce, Gravidanza consapevole, Yoga genitori & figli. Arriva allo yoga attraverso la danza classica e contemporanea ed esperienze di teatro sociale, grazie alle quali si rende conto di come il movimento influisca sulla mente e sullo stato animico. Si forma come istruttrice di Kundalini Yoga secondo gli insegnamenti di Yogi Bhajan presso il centro Shunia di Barcellona. È istruttrice certificata di yoga per bambini secondo il metodo Childplay, elaborato da Gurudass Kaur, e di yoga in gravidanza, metodo Conscious Pregnancy. È membro dell’Associazione Internazionale Insegnanti di Kundalini Yoga (IKYTA) e IKYTA Italia. Attualmente vive e lavora a Catania.